Giuseppe Ungaretti, Sempre notte

Vallone il 18 aprile 1917

La mia squallida

vita si estende

più spaventata di sé

In un

infinito

che mi calca e mi

preme col suo

fievole tatto

Advertisements